Home  »  News » 3 domande sul coworking di Confcooperative



3 domande sul coworking di Confcooperative



Si parla tanto di coworking, ma funziona davvero? Ci sono dei limiti di orario o di servizio rispetto a un ufficio personale?

In questo articolo rispondiamo a tre quesiti che ci vengono rivolti di frequente sulla velocità della nostra connessione a internet, la possibilità di accedere al coworking in orari diversi da quelli di apertura e la necessità di lasciare portatile, accessori e documenti all’interno del coworking. Per rispondere abbiamo rivolto la domanda a chi nel nostro coworking ci lavora già da alcuni anni.

La connessione internet del coworking è abbastanza veloce?

Risponde Orlando: "Sono un creativo, quasi ogni giorno mi capita di dover inviare o ricevere grafiche, video o interi servizi fotografici con WeTransfer o altri sistemi di file sharing, di caricare video su YouTube, Facebook e altri social network. Non ho mai avuto problemi di lentezza o disservizi con la linea wi-fi del coworking, né gli altri coworker hanno ravvisato rallentamenti durante le mie operazioni di upload e download."

Il coworking è compatibile con i miei orari lavorativi?

Risponde Nicola: "Lavoro con l’estero, soprattutto con la Cina, devo quindi essere presente in ufficio in orari particolari, come la mattina presto e a volte anche nei giorni festivi. Ho segnalato la mia esigenza e mi hanno fornito le chiavi: posso accedere alla mia scrivania anche fuori dall’orario di apertura degli uffici.”

Posso lasciare strumenti e materiali al coworking?

Risponde Daniela: “Il nostro spazio di coworking è frequentato esclusivamente dai coworker che, occasionalmente, ricevono clienti nella saletta adiacente l’open space di coworking; dunque non ci sono problemi a lasciare documenti, pc e altri materiali sulla tua scrivania. Inoltre, ogni coworker ha a disposizione un armadietto personale chiuso a chiave, dove riporre documenti e attrezzature.”